Browsing the blog archives for gennaio, 2009.


contro l’oblio dell’orrore

1 pagina

la-memoriaTuri 27 gennaio 2009 – L’ass. Presidio del libro di Turi ha organizzato una serata, presso il palazzo marchesale, per ricordare gli orrori della guerra, da qualsiasi nazione o gruppo venga prodotta. Alcuni ragazzi della  SM “Resta” di Turi, guidati dalla prof.ssa T. Mirizio, hanno presentato testi di riflessione sulla inutilità delle guerre, invocando la speranza di un mondo rispettoso della vita.  La lettura viene accompagnata da un eloquente video clip allestito dai ragazzi.

         Il quartetto “Mediterraneo saxofone” composto da G Perrone (sax soprano), F Loiacono (sax contralto),  L. Caramia (sax tenore) e F. Coppola (sax baritono) hanno allietato l’incontro con arrangiamenti e brani originali per saxofoni.

I giovani talenti di cui l’ensemble si avvale, provengono dai Conservatori di Bari e Monopoli; uniscono alla conoscenza del repertorio classico, l’attitudine ad interpretare autori contemporanei, la cui scrittura richiede una tecnica e una capacità interpretativa propria e specifica del genere, ottenendo come  risultato una musica fresca e nuova.

Il quartetto ha all’attivo numerosi concerti in diverse città italiane per conto di enti pubblici e associazioni culturali, riscuotendo sempre notevoli consensi di pubblico e critica. I componenti svolgono singolarmente attività concertistica in ambito cameristico e in altre formazioni orchestrali

clicca sulla foto per altre immagini

Commenti disabilitati su contro l’oblio dell’orrore

a proposito del parietone

1 pagina, Posta

 Pubblico  di Stefano De Carolis, specializzato nella tutela dei beni archeologici e culturali,  la lettera indirizzata al Sindaco di Turi, dott. V. Gigantelli:

 

vaso-di-priamo 

 

OGGETTO:- Specificità di interesse cui all’art.10 del Decreto Legislativo N.42 gennaio 2004.

“Muraglione” o “ Parietone” nei pressi dell’ ex molino Zaccheo sito nel Comune di Turi.

 

 

Premesso che, come è scritto alla pag. 7 (punto 4.1) del P.U.G. adottato dal Consiglio Comunale il 7 ottobre 2008, “la quasi totalità del Comune insiste su aree di interesse archeologico” e alla successiva pag. 8 (punto 4.2), …….. si afferma che l’area archeologica è divisa in tre zone: 1/ Zona 1 – compresa tra le Vie Palermo e Cavour, Via P. de Donato, Via T. Aceto, e le strade per Gioia del Colle ad Ovest, fra l’Estramurale Est, il percorso della Ferrovia e il tratto della nuova tangenziale definita “di rilevante interesse archeologico” dalla Sovrintendenza; Zona 2 – estesa alla rimanente parte del territorio comunale per lo più coincidente col perimetro del vecchio P.d.F. definita dalla Sovrintendenza “di interesse archeologico”, anche se in essa non sono stati effettuati finora, rinvenimenti cospicui; Zona 3 – in continuità con la prima zona è definita e limitata dalla strada vicina le Pozzi di Don Ciccio, e dalla via vecchia per Castellana. A questa zona è aggregata anche l’area 11 S. Donato 11 segnalata dal P. U. T. T.” .

 

Visto che

·         l’area archeologia del Comune di Turi ha riservato nel passato sin dal 1800 e tutto il ‘900, importanti scoperte archeologiche, non solo di sepolcreti con ricchi corredi funerari ma anche resti di strutture architettoniche, muri e resti di abitazioni (via Castellana), riferibili ad un vasto antico abitato “peuceta” che insisteva sotto l’attuale zona urbana di Turi e che aveva nella zona di via Laquacquera la parte centrale (l’acropoli);

·        che nonostante la ricca documentazione attestante l’importanza archeologica del nostro territorio negli ultimi decenni la questione è stata completamente ignorata dalle Autorità locali, con conseguenze irreparabili sulla salvaguardia e la tutela dei resti dell’ antico centro peuceta.

 

 

a tal proposito si segnale, proprio a ridosso della zona 1 della” carta archeologica”( quella cioè di rilevante interesse archeologico“) la presenza, nei pressi del rudere dell’ ex mulino di Zaccheo, di un grande muro a secco “muraglione” o “parietone” attualmente ricoperto di vegetazione spontanea, con una larghezza di circa 6-7 metri, di grandi dimensioni del manufatto tali da escludere qualsiasi altra ipotesi se non quella di una opera di fortificazione. Il muro, purtroppo risulta in parte distrutto dalla costruzione delle nuove abitazioni, e potrebbe essersi innestato sui resti, sepolti, dell’ antico muro di difesa che cingeva 1’acropoli della Turi “Peuceta”. Tale ipotesi lo dimostrerebbero gli studi delle antiche mura di cinta di altri centri della antica Peucezia, esempi di Egnazia, Azezio, Monte Sannace, inoltre rafforzato dagli studi condotti in passato dalle vecchie foto aeree e dai i rinvenimenti nell’area dentro e fuori il ” muraglione” di importanti tombe risalenti ad epoca Peuceta e alla presenza in superficie di numerosi” cocci” .

 

Sindaco, ho voluto farLe questa doverosa segnalazione affinché vengano attivate fattivamente tutte le norme e leggi vigenti in materia di tutela e salvaguardia “dei Beni Culturali”, compreso la redazione del (P.U.G.). Inoltre, a mio modesto avviso, andrebbe sensibilizzata la vigilanza durante le attività “di scavo edile” “o movimento terra” nelle zone di interesse archeologico, già indicate nel PUTT, da parte degli organi di polizia locale. Per quanto riguarda il muraglione in oggetto, se lei lo riterrà opportuno, potrà informare la Soprintendenza Archeologica per la Puglia con sede in Taranto e la Soprintendenza Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Puglia con sede in Bari per 1’eventuale sopralluogo da parte dei Funzionari preposti, affinché venga recuperato e salvaguardato quel poco che rimane dell’ antico centro Peuceta della nostra antica Turi.

 

In fine colgo l’occasione di ricordarLe che ad oggi non esiste nessuna pubblicazione di studio e catalogazione delle scoperte archeologiche di Turi, eseguita ad opera della Soprintendenza Archeologica per la Puglia.

Tale pubblicazione diventerebbe uno strumento di notevole importanza sia per gli studiosi-archeologi che per quelle persone  ignare della materia.

 

03 Dicembre 2008  

Commenti disabilitati su a proposito del parietone

That’s Art

VETRINE

 

 

Turi - via Massari civico 15Turi gennaio 2009

 

In via Massari al civico 15, Giulia Tria, una giovane promessa nel mondo del Design ha aperto nel 2004 That’s Art, un negozio di proposte regalo, complementi di arredo, oggetti d’arte… Accattivante e accogliente si presenta l’interno con l’esposizione dei vari articoli.

 

  

 Una breve rassegna fotografica cliccando sulla foto

No Comments

Il Golf a Turi

1 pagina

bucaSi è “aperto” ufficialmente  un campo country di golf, la cui area interessa tutto il paese.  Nuova regola: evitare le buche, alcune delle quali larghe mezzo metro e  profonde 20 cm.

La pioggia ha scavato nelle parti deboli dell’asfalto delle buche, mettendo in evidenza i livelli inferiori; le buche, posizionate in luoghi strategici, talvolta colme d’acqua, sono divenuti trabocchetti per gli automobilisti frettolosi che si accorgono di esse spesso con ritardo; spavento, rabbia e imprecazioni assalgono il malcapitato dopo il botto.

Di queste si sta interessando  la minoranza consiliare con manifesti e  alcuni cittadini con denunzie legali per danneggiamento subito.

pzlL’Amministrazione, si  dice, non ha fondi ; tanti altri problemi  affollano la scrivania del primo cittadino: le scuole chiuse per derattizzazione, per malfunzionamento dell’impianto riscaldamento, per bonifica del pavimento di linoleum……

Nel frattempo gira per i locali pubblici un volantino prodotto dall’ufficio di  P.M. di Turi che regolarizza i parcheggi nel Centro Storico del paese; zona rossa, zona blu e gialla. Domande e autorizzazioni colorate invaderanno gli uffici e il paese.

 I cittadini saranno soddisfatti ora?

P.S. :la colmatura delle buche sono state eseguite in gran parte il  30 gennaio

Commenti disabilitati su Il Golf a Turi

Primitivo di Gioia: vino dei forti

1 pagina
primit1

clicca sulla foto per una slideshow

Turi vanta una tradizione ed una vocazione alla coltivazione del cultivar primitivo, con produzione di vino detto appunto “Primitivo” o “Primativo” per la sua capacità di diventare subito vino, dal temperamento vigoroso e colore fortemente violaceo.

Dopo un periodo di “recessione”, gli impianti di primitivo, prima allevati ad alberello ora sono rimpiantati a spalliera, rappresentano un vanto di alcune aziende territoriali, che hanno voluto credere in questo vitigno. Tra queste si distingue l’ azienda Giuliani Raffaele,fondata negli anni ’40 dal padre dell’attuale proprietario; situata nel cuore della zona di produzione dei vini D.O.C. Gioia del Colle, con una estensione di 25 ettari nei comuni di Turi, Gioia del Colle e Putignano, per le sue caratteristche pedo-climatiche, produce vini di elevata qualità: Primitivo DOC e Riserva, Aleatico DOC.
Le uve provenienti dai vigneti sono lavorate direttamente nelle cantine dell’azienda producendo oltre ai citati vini anche un Bianco e Rosso D.O.C. Gioia del Colle, ed uno Chardonnay I.G.T. Murgia. L’azienda, oltre alla vendita in damigiana, vende in bottiglie ed esporta anche in paesi del nordeuropa, in Cina e nel nor America. Presente nelle fiere più importanti in Italia e all’estero, ha conseguito riconoscimenti ed attestati che hanno premiato la tenacia e la fiducia in questo prodotto, non più vino da taglio, ma vino di intenditori.

 

Pagina dell’Azienda Giuliani

 

Commenti disabilitati su Primitivo di Gioia: vino dei forti
« Older Posts