RAFFAELE RESTA junior, giurista e deputato al Parlamento

personaggi in

a cura di Domenico Resta

Raffaele Resta junior,nacque a Turi ( Bari ) il 2 settembre 1905 da Giuseppe e Geltrude Pignataro .

Dopo i primi anni trascorsi nel paese natale, proseguì i suoi studi presso il Collegio Vescovile di Conversano .e poi presso l’Università di Roma “ La Sapienza “,dove si laureò in Giurisprudenza il 12 luglio 1927 con il massimo dei voti cum laude .

Proseguì i suoi studi presso lo stesso Ateneo sino all’anno accademico 1932-33 quando ottenne l’incarico di Diritto Amministrativo e Scienza dell’Amministrazione presso l’Università di Urbino .

Nel 1933 conseguì la libera docenza in Diritto Amministrativo :Nel 1935 vinse il concorso per Professore ordinario di Diritto Amministrativo e fu chiamato dalla facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Sassari . Nel 1936 passò alla facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Macerata e poi ad Urbino .

Sono di questo periodo pubblicazioni importantissime come : L’eccesso di potere della Pubblica Amministrazione; La revoca degli atti amministrativi; Il silenzio della P.A. ;Il processo Amministrativo; I beni pubblici ; ecc…….. .

Nel 1938 fu chiamato ad insegnare Diritto Amministrativo dalla facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Bari, dove ricoprì anche la carica di Preside durante il periodo bellico .

Nel 1947 fu eletto Rettore dell’Università di Bari, forse il più giovane rettore dell’epoca e si dedicò a riorganizzare l’Ateneo istituendo anche la facoltà di ingegneria .

Nel 1948 fu eletto Deputato al Parlamento nelle liste della Democrazia Cristiana . Durante il mandato parlamentare partecipò a diverse commissioni : Interni,Istruzione e Belle Arti, Affari Costituzionali . Fu relatore di parecchie leggi di grande importanza .

Nel 1951 fu nominato da De Gasperi sottosegretario alla P.I. nel suo VII ed VIII governo e nel I governo Pella .

Nel 1953 fu chiamato dalla Università di Roma “ La Sapienza “ alla cattedra di Diritto Amministrativo presso la facoltà di Economia e Commercio di cui fu Preside dal 1965 al 1968 .

Nel 1968 fu rieletto per la terza volta ricoprendo la carica di sottosegretario alle Finanze nel governo Fanfani e alla Presidenza del Consiglio nel governo Zoli .

Nel 1963 a causa delle precarie condizioni fisiche fu costretto a lasciare l’attività politica dedicandosi esclusivamente a quella professionale e scientifica .

Morì a Roma il 13 settembre 1973,ma le sue spoglie mortali riposano nel cimitero di Turi insieme ai suoi cari .

La sua produzione scientifica ricca più di cinquanta titoli; ne cito alcuni:

  • Il silenzio come esercizio della funzione amministrativa ;
  • Corso di Diritto Amministrativo ;
  • Il principio inquisitorio nel processo amministrativo ;
  • Equità e discrezionalità della P.A. ;
  • per poi finire con La scuola per domani;
  • Il pensiero di San Tommaso d’Aquino ( conferenza tenuta a Parigi nel 1952 ) ed La Madonna oggi del 1958 .
Commenti disabilitati su RAFFAELE RESTA junior, giurista e deputato al Parlamento