RAFFAELE RESTA senior filosofo e pedagogista

personaggi in

a cura di Domenico Resta

Raffaele Resta senior nacque a Turi ( Bari ) il 5 febbraio 1876 da Giuseppe ed Amalia De Robertis .

Giovanissimo,a sedici anni, fondò il primo circolo socialista a Turi e scrisse il suo primo articolo che fu pubblicato sul giornale “ Lotta di classe “, storico foglio del socialismo italiano . Fu , si può dire autodidatta . Nel 1897 scrisse un articolo pubblicato sulla rivista Critica sociale “ diretta da Filippo Turati . Questi fatti gli impedirono di insegnare a Turi per cui nel 1898 decise di lasciare il paese natale e la Puglia per cercare a Roma un posto di insegnante elementare . Dal 1899 al 1908 fu maestro elementare,direttore e libero docente .

In questo periodo scrisse diversi saggi : Intorno alla concezione realistica della psicologia sociale, L’Anima delle folle, La psicologia collettiva della Scuola, La psicologia della cultura e la pedagogia, L’Anima del fanciullo e la pedagogia . F.M. Sciacca nel Il secolo XX “ scrisse : Una forma intransigente di realismo ha sempre sostenuto R. Resta che quantunque si sia formato nel periodo dell’evoluzionismo naturalistico e sociologico e si sia occupato di psicologia collettiva; tuttavia anche in questa fase può considerarsi un positivista “ extra muros “ .

Nel 1906 R. Resta venne assunto come professore di Metodo e di Estetica all’Istituto Superiore di Magistero di Roma,dove insegnò sino al 1924 quando vinto il concorso per la cattedra di Filosofia e Pedagogia all’Istituto Superiore di Messina si recò in Sicilia . A 30 anni con il lavoro “ L’Anima del fanciullo e la pedagogia “ conseguì la libera docenza in Pedagogia .

Dal 1908 al 1924 tenne corsi di Pedagogia all’Università di Roma e resse contemporaneamente la cattedra di Estetica e Storia dell’Educazione Fisica al Magistero di Roma .Dal 1909 al 1919 la produzione intellettuale del Resta si arricchì di opere come “ Il fondamento dell’Educazione “ ; “ La psicologia della didattica “ ; “ La storia e l’Educazione morale “ ; “ I problemi fondamentali della Pedagogia “ per raggiungere il massimo con il suo “ Trattato di Pedagogia “ .

Nel 1924 vinse due concorsi universitari a Bologna e a Messina , scelse Messina . Fu direttore del Magistero di Messina da lui voluto e realizzato sino al 1935 quando passò all’Università di Genova . Il periodo genovese vide R. Resta interessato principalmente alla ricerca filosofica e metafisica. Di questo periodo sono opere come “ Dante e la filosofia dell’amore “ ;” Filosofia dell’Educazione “ ed un’opera incompiuta Dio e la creazione “ . Tommaso Aragona definì R. Resta : Uno dei più dotti ed acuti artefici del pensiero speculativo contemporaneo .

Il culmine della sua produzione intellettuale portò alla stesura della “ Teoria della cultura e dell’insegnamento “ ; “ Comenio e la Scuola della democrazia “ e “ Dio secondo la ragione “ .

R. Resta si spegneva nella sua casa di Genova il 20 MARZO 1961

Alla sua figura di pedagogo è stata intitolata la Scuola Media Turi nel 1964.

Commenti disabilitati su RAFFAELE RESTA senior filosofo e pedagogista