Browsing the blog archives for Marzo, 2011.


21 Marzo “GIORNATA MONDIALE della POESIA”

notizie

POESIA E DIRITTI UMANI  con i detenuti della Casa Circondariale di Lecce

Grazie alla sensibilità dimostrata dalla Dott.ssa Anna Rosaria Piccinni, Direttore della Casa Circondariale di Lecce, i Club UNESCO di Bisceglie e di Lecce, presieduti da Pina Catino e Gabriele Margiotta, l’Ass. di Volontariato Carcerario “Comunità Speranza”, presieduta da Mons. Luigi Fanciano, il “Gruppo Euterpe 2010” diretto da Zaccaria Gallo, l’Ass. Italoellenica di Zollino, presieduta da Pompeo Maritati,

insieme per cercare di contribuire a costruire “le difese della pace nella mente degli uomini”

celebrano il 21 marzo nella Casa Circondariale di Lecce, LA GIORNATA MONDIALE DELLA POESIA, istituita

Continue Reading »

No Comments

17 Marzo – 150 anni di “Unità di Italia”

1 pagina

Regno d’Italia fu il nome assunto dallo Stato sardo il 17 marzo 1861 quando, in seguito all’annessione da parte di quest’ultimo del grosso dei territori degli stati preunitari, si ebbe l’unificazione politica della penisola italiana. Non vi fu, quindi, la costituzione di una nuova entità statuale, ma un semplice cambio di denominazione del precedente Stato sardo. Il regno cessò di esistere nel 1946, quando la forma di stato fu mutata in repubblica, in seguito ad un referendum istituzionale.

Tramontato nel 1849 il progetto di confederazione tra gli stati della penisola (come volevano moltissime personalità di spicco della politica italiana dell’epoca, dal piemontese Massimo D’Azeglio al toscano Bettino Ricasoli e al federalista lombardo Carlo Cattaneo), il Regno d’Italia nacque nel risorgimento, precisamente nel 1861, dal Regno di Sardegna, privato (nel 1860) della Contea di Nizza e del Ducato di Savoia (ceduti alla Francia), e fu retto dalla sua nascita alla sua caduta, nel 1946, dalla dinastia reale dei Savoia.

Istituzionalmente e giuridicamente, il Regno d’Italia venne configurandosi come un ingrandimento del Regno di Sardegna. Ciò, ed

Continue Reading »

No Comments

Raffaele Nigro e il Risorgimento

eventi, notizie

locandina

NIGRO RAFFAELE (Melfi 1947) vive e lavora a Bari, dove è caporedattore della sede Rai. E’ autore di: I fuochi del Basento (1987, Premio Supercampiello), Ombre sull’Ofanto (1992, Premio Grinzane Cavour), Dio di Levante (1994), Diario mediterraneo (2000, Premio Cesare Pavese).

Raffaele Nigro è uno scrittore impegnato su più fronti, dalla saggistica alla poesia sperimentale al romanzo. Tra le sue opere:

Viaggio in Basilicata, Bari, Adda,1996;

Poeti e baroni nel Rinascimento lucano, Venosa, Osanna, 1997;

Il Brigantaggio postunitario –  Bari, Adda, 2010

No Comments

c’era una volta

1 pagina

clicca sulla foto per una slide

quando l’acquedotto pugliese non entrava in tutte le case del Centro storico;

quando le Scuole Elementari erano in piazza Gonnelli;

quando le macchine da parcheggiare erano poche;


c’era una volta … la “fendène a 4 vocche”

1 Comment

Riflessioni sulle radici storiche del Carnevale di Turi

1 pagina

di Mino Miale

Da un po’ di tempo Turi torna ad occupare l’attenzione dell’interesse culturale nazionale e mediterraneo, per la cultura appartenutale e la dedizione accordatele in prestigiose pubblicazioni. Mi piace, per il momento, offrire alcune mie riflessioni in questo momento carnascialesco.

La tradizione vuole che in Turi si festeggi  Carnevale, espressamente il Martedì grasso, fino al suono della campana delle Ceneri (inizio della Quaresima). Un carnevale universale, con riferimento alla Chiesa cristiana di Roma e con tradizione rigida, perché  organizzata da una congregazione laica, di artigiani  “confratelli”     -quelli del Purgatorio-  con particolare supervisione prelatizia.

Altro destino, segue il Carnevale di Putignano che, con l’allestimento dei carri trionfali, assicura energicamente un’attrazione turistica “al passo coi tempi”.

Ad accomunarlo al carnevale di Turi è la radice storica:  quella cristiana professata dai Cavalieri di Malta; i baroni Moles, feudatari di Turi e Frassineto erano Cavalieri di Malta e Putignano estendeva coi suoi Cavalieri di Malta la  giurisdizione feudale fino a toccare Turi (masseria del francese ora Sala Enotria) .

La cultura cattolica di Turi porta l’impronta dei Moles ed essa, in particolar modo, si riflette nel Carnevale: S. Oronzo infatti

Continue Reading »

No Comments
« Older Posts
Newer Posts »