Le Chiacchiere

1 pagina

Chiacchiere é frutte” recita un vecchio detto turese: parla e “schucchje u frutte”,  trova il frutto  (delle mandorle;  era un lavoro di donne, in particolare).

Ma a Carnevale le chiacchiere sono dolcezze da gustare, lontani dal lavoro alla fine di un pranzo tipico domenicale: orecchiette con ragù; lo zucchero a velo ti imbratta il viso mentre sgranocchi le croccanti paste, un limoncello ghiacciato pulirà il palato.

Per la preparazione, l’apprendi  se continui a  leggere

Ingredienti: 500gr di farina, 1 uovo intero e 2 tuorli, 50gr di  burro , 50 gr di zucchero, 1 limone, 1 bicchiere di vino bianco secco (Giuliani bianco DOC) , olio per friggere, bustina zucchero vanigliato, 1/2 busta lievito pane angeli, un pizzico di sale, zucchero a velo.

Preparazione: Sulla spianatoia porre la farina; su di essa setacciare lo zucchero vanigliato, la bustina 

chiacchiere-strisce

del pan degli angeli; disporre la farina a fontana, mettendo nel centro  il burro ammorbidito a fiocchetti, lo zucchero, il vino, la scorza del limone grattugiata ed un pizzico di sale.
Amalgamare tutti gli ingredienti a lungo fino ad ottenere un impasto liscio ed elastico. Formare  una palla, coprire con un telo e farla riposare per 30 minuti. Lavorare ancora la pasta, poi tirare una sfoglia sottilissima con il matterello.


Ricavare delle striscie della larghezza di circa 8 cm, quindi con una rotella tagliate tanti rettangoli ed effettuate due tagli paralleli per il lungo; alcune con un taglio per permettere di girare le estremità all’interno.
Friggere le chiacchiere, poche per volta, in abbondante olio bollente e quando saranno dorate asciugare sulla carta assorbente. Lasciar raffreddare e cospargere con lo zucchero a velo.

Buon Appetito e buon divertimento

 

A Putignano il Carnevale si prepara per omaggiare G. Verdi

Commenti disabilitati su Le Chiacchiere