Estate a San Giovanni – Polignano a mare

1 pagina

clicca sopra per ingrandire

L’estate, forse, incomincia a farsi sentire; mentre digito, il cielo è coperto di nuvole

La foto sopra è stata già pubblicata su un periodico turese “il Paese”; la ripropongo per aggiungere qualche particolare che conosco. La band era composta da giovani barbieri, tranne uno, che avevano in comune una forte amicizia e la passione per la musica; si riunivano per gli accordi e per suonare, gratuitamente, serenate ad amici o nelle feste. Tra i soggetti in posa, due, quello con la barba e quello alla sua sinistra, sono “infiltrati”.

Da sinistra in piedi:

  1. Enrico Lenato (banjo): negli anni ’50 si trasferisce a Chieri (To), dove sposa Nettina una simpatica piemontese; sarà “coiffeur pour dame” e avrà una figlia, Marina.
  2. Graziantonio Malena (banjo): (1907-1949) aveva la barberia in piazza Silvio Orlandi, di fronte ai VVUU; sposerà Maria Pugliese ed avrà 7 figli: Minguccio, Peppino, Ettore, Maddalena, Palmira, Vittorio ed Isa.
  3. Pierino Menelao, fratello di Peppino.
  4. Francesco Mallardi (cantante): la sua barberia era in via XX Settembre, dove ora la boutique Gate3; sposato avrà tre figli.
  5. Ciccio Gentile (contrabbasso): aveva la barberia in via Giuseppe Orlandi dove ora c’è il lotto gestito dal figlio Giacomo.

da sinistra seduti:

  • Peppino Menelao (violino):  la sua barberia era in via maggior Orlandi, dove ora è l’associazione Bersaglieri; sposerà Anna Albano, che aveva la merceria in via V. Orlandi, vicino a Rosa la “salenère”; avranno due figli: Paolo ed Ada.
  • Luigi Gagliardi (batteria): celibe, aveva la “bottega” di barbiere in via maggior Orlandi sotto la casa del col. Stefanachi, padre di Michelina; accanto a “mèste Francische u uarmendère” De Tomaso.
  • Domenico Palmisano (violino): (1908-1958), figlio di Giovanni e di D’Addabbo Giulia, nacque in via Putignano 104, divenne infermiere specializzato e prestò la sua opera presso il reparto di dermosifilopatia al Policlinico di Bari;  il sabato, quando tornava dal lavoro, spesso si appartava in una stanza per suonare il violino, mentre  gli adulti, donne da una parte e uomini dall’altra confabulavano; i nipoti in un’altra stanza sotto la guida della sorella Teresa imparavano a ballare al suon di un grammofono. Domenico era il sesto di undici fratelli/sorelle (Francesco, Laura, Pasquale, Vito, Leonardo,Teresa, Antonio, Nicola, Rocco e Oronzo); era prossimo alla laurea in Medicina quando morì  per una cardiopatia.

La spiaggia di san Giovanni era  l’unico fazzoletto di sabbia racchiuso in una insenatura a nord di San Vito frazione di Polignano a mare; dopo la guerra divenne “libera” per molto tempo; mi ricordo che gli adulti la frequentavano per le sabbiature: si coprivano di sabbia per combattere malattie reumatiche. Noi ragazzi, invece, ci divertivamo a nasconderci nei canneti rigogliosi all’interno della spiaggia, e nelle grotte; io usavo nascondere gli indumenti in vani scavati nella roccia posti in alto rispetto al calpestio.

s  giovanni beach

spiaggia vista dal lato dove si poneva la pista da ballo

No Comments

Leave a Reply

Allowed tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>